AttivA(R)TI è partito alla grande!

AttivA(R)TI è partito alla grande con l’evento di lancio di ieri, oggi locandina su LA Nuova Venezia e articolone.

Ora si prosegue con le azioni del progetto, quelle che curerò io sono Danza Folk Urbana e la Call Fotografica Fotograffitismi.

Cliccate sui link per saperne di più!

artisti contro il degrado

Annunci

8 marzo – La Sposa Bambina

Ecco un altro mio testo, che ha una decina d’anni, che avevo portato un po’ in giro con i Dulcamara, quando ancora facevo finta di suonare e di cantare.
Mi è tornato in mente oggi nella ricorrenza dell’8 marzo, eccolo qui senza pretese.

305a2

La Sposa Bambina
Mani mulatte,
bracciali di rame,
due veli l’avvolgono;
la sposa bambina
che sposa una vita
che altri per lei scelgono.

E’ un giorno di festa giù al campo
è un giorno che non scorderà,
bastan due mani e un anello
per ogni brutalità.
E’ un giorno di festa giù al campo
è un giorno che non scorderà,
bastan due mani soltanto
per violare la sua intimità.

Ma le sue dita
avevano già
conosciuto l’amore sacro;
in un campo di grano
un cugino lontano
aveva accarezzato.

E’ un giorno di festa giù al campo
è un giorno che non scorderà,
bastan due mani e un anello
per ogni brutalità.
E’ un giorno di festa.…

I suoi occhi neri,
profondi come pozzi,
nel cielo lo cercano
e le gocce di pioggia
che bagnano i pazzi
oggi li riempiono.

e3e78556-a896-454f-adb7-8945510e0041_medium

 

PS: L’immagine qui sopra è di una campagna di Amnesty in proposito; sostenete Amnesty quando potete. Quella qui in alto è un quadro di Vincent Van Gogh.

Chi ha paura della politica?

Spesso basta nominare la parola “politica” per far allontanare chi si ha intorno, basta quella “parola magica” perché anche gli amici spariscano, facciano un passo indietro, timorosi… perché?

Ci hanno rubato il futuro, ci hanno rubato i soldi e hanno ottenuto anche di rubarci la politica. Ci hanno schifato a tal punto da allontanarci dalla politica.
Hanno instillato il dubbio che chiunque si candidi lo faccia per qualche secondo fine, interesse personale o di qualche corporativismo.

Dobbiamo capire a chi fa gioco questa cosa, forse a quegli stessi che ci hanno rubato soldi e futuro, dobbiamo capire come possiamo agire per cambiare le cose.

Dobbiamo riappropriarci della politica, noi cittadini onesti dobbiamo scendere in campo, dobbiamo rimboccarci le maniche e spalare via il fango presente.
La politica ha a che fare con il nostro futuro e i nostri sogni, non possiamo delegarli ad altri, non è più il tempo…

Possiamo provare a cambiare, a partire dal comune, possiamo farlo insieme in consiglio comunale (se vorrete accordarmi la preferenza) e possiamo farlo eleggendo Felice Casson.

Paolo Ticozzi
Candidato Consigliere Comunale lista PD
#SogniConcreti #PerLaCittà

come si vota alle elezioni comune di Venezia 31 maggio 2015 vota Paolo Ticozzi consigliere comunale PD e Felice Casson sindaco

Come si vota il 31 maggio

Come si vota? Come fai a votarmi? Bene,  nulla di più facile:

ECCO LE INDICAZIONI PER VOTARE ME CONSIGLIERE COMUNALE e FELICE CASSON SINDACO
Segui le indicazioni in figura:
Sulla scheda azzurra, fai una X sul simbolo del PD e scrivi a fianco “Ticozzi“.
come si vota alle elezioni comune di Venezia 31 maggio 2015 vota Paolo Ticozzi consigliere comunale PD e Felice Casson sindaco
Fai così per votare Paolo Ticozzi consigliere e Felice Casson, il mio candidato sindaco, come sindaco!

Fac-simile della scheda:

come si vota alle elezioni comune di Venezia 31 maggio 2015 vota Paolo Ticozzi consigliere comunale PD e Felice Casson sindaco

Si può votare solo domenica 31 maggio dalle 7.00 alle 23.00.

PS: c’è anche la doppia preferenza di genere, ovvero oltre a me puoi votare anche una donna ma solo se è candidata in lista PD!

COLORIAMESTRE

Colorare la Città di Terraferma

untitled-20-3
Illustrazioni, Poesie, Murales, interventi di street art, proiezioni video sui muri della città di Terraferma, che amo pensare come un enorme foglio bianco, una grande tela da colorare.

I muri di una città possono diventare portatori di un messaggio, supporto per un’opera artistica, sull’esempio di Bruxelles sui cui muri ci sono oltre 50 illustrazioni con enormi personaggi dei fumetti, e molti turisti cartina alla mano seguono un percorso ad hoc alla loro ricerca.

Un modo alternativo per lavorare sulla città, sul trovare un nuovo significato per Mestre collegata all’arte contemporanea, non solo quella dei musei ma quella fatta dai piccoli e grandi artisti che operano in città e non solo.

Un modo per abbellire luoghi pubblici ma anche cantieri come nel caso di quello in piazza Ferretto della foto qui sotto e qui sopra.

In città sono già stati fatti alcuni tentativi a riguardo, basti pensare al Parco Albanese con l’iniziativa Meeting of style o la ridipintura dell’esterno dell’Auditorium Lippiello alla Cipressina, va fatto sistema e creato un piano strategico in merito per colorare Mestre con l’arte e far passare il messaggio che a Mestre l’arte è reale.

cropped-untitled-45-2.jpg

 

Questa campagna per quanto mi riguarda si inserisce nella macrocampagna Venezia Libera l’Arte che  si divide in tre parti:
Venezia Libera La Musica, per la valorizzare e agevolare la musica dal vivo negli spazi pubblici e privati, occasione di aggregazione e creazione di comunità e presidio del territorio;
Venezia Libera l’Arte di Strada, proposte per valorizzare l’arte di strada e integrarla nell’offerta culturale cittadina rivedendo il regolamento che la regola;
– ColoriaMestre, per pensare Mestre come un grande foglio bianco da colorare con Illustrazioni, Poesie, Murales e interventi di Street Art.

Se vuoi conoscere gli altri progetti per quanto riguarda la cultura vai alla pagina Cultura & Comunità.

Bisogna essere matti

Bisogna essere proprio matti, per rinunciare, dopo un anno di lavoro, ad andare una settimana in ferie (poco importa che in realtà, non siano ferie ma sia disoccupazione, al giorno d’oggi è già un lusso).
Bisogna essere follemente matti soprattutto se quella settimana potresti andare al mare, per giunta ospite, senza nemmeno dover pagare l’affitto.

Bisogna essere un po’ matti per impiegare altrimenti giornate che potresti spendere per studiare per fare esami per tentare di raggiungere l’agognato miraggio del posto fisso.
Bisogna essere chiaramente matti per pensare che la cultura e l’arte possano cambiare le cose, possano combattere e sconfiggere il degrado.

Bisogna essere decisamente matti per organizzare un’iniziativa di 9 giorni con un sacco di cose dentro, giocoleria, teatro, open mic, poesia, poetry slam, reading, cortometraggi, contest hip hop, musica concerti di giovani e concerti di adulti.
Bisogna essere straordinariamente matti per fare questa rassegna e non chiamarla festival, quando tutti chiamano festival qualsiasi cosa.

Bisogna essere molto matti per fare davvero qualcosa per Mestre e non solo postare status su facebook o twitter.
Bisogna essere estremamente matti a passare tutto un giorno estivo di sole al computer (e non solo uno) per organizzare questa cosa chiamata #OpenPark.

Bisogna essere seriamente matti a pensare che questo del tirarsi su le maniche in qualche modo è fare politica, davvero, al di là delle manifestazioni pro o contro, dei magna magna e dei l’avevo detto io.
Bisogna essere pazzamente matti per sentire tutto questo come un atto di poesia, di bellezza, quelle cose per cui vale la pena vivere.

Bisogna essere matti matti a organizzare tutto ciò nella speranza di incontrare altre persone che abbiano voglia di collaborare, di altre persone che vogliano vivere la città.
Bisogna essere matti ma bisogna esserlo insieme, da soli non ci si può dare dei matti…

Se vuoi essere collettivamente matto partecipa a #OpenPark al Parco Bissuola dal 6 al 15 luglio (www.openparkbissuola.blogspot.it)

Potrai viverlo in prima persona
– esibendoti all’Open Mic cantando, suonando, recitando, giocolando, raccontando… – 6 luglio
– esibendoti o facendo il giurato al Poetry Slam (un torneo di poesia!) – 12 luglio
– esibendoti a come rapper o ballerino di breakdance a Freestyle your Park – 7 luglio
– esibendoti come giocoliere – 6 luglio
– partecipando ai laboratori – 10 luglio
– partecipando al laboratorio di teatro – 9 luglio

Potrai assistere ad un sacco di spettacoli ed eventi: qui la programmazione

Se vuoi essere proprio matto matto e dare una mano all’organizzazione anche tu scrivimi a associazioneluoghicomuni@gmail.com

Ricordati che non sei speciale (o meglio lo sei ma fino a un certo punto)

Bisognerebbe smetterla di portare esempi solo di esseri umani eccezionali o quantomeno molto fortunati.
Molti, troppi, vivono nella frustrazione; gli esempi che ci vengono portati sono spesso inarrivabili.
I mezzi tecnologici ci mettono in contatto virtuale con esseri umani straordinari, superdotati di un talento, una caratteristica o un’abilità particolare (sportivi, scienziati, modelli, musicisti, attori) che vengono esaltati con una retorica che tende a trasformarli in semidei.

Le linee che narrano queste figure le distaccano dall’umanità e li rendono marziani e allo stesso tempo e per questo oggetti di culto, venerazione e invidia… modelli inarrivabili

Sognare risultati e vite, che la stragrande maggioranza non potrà mai vivere, non fa di certo bene.

Il confronto con queste pseudo-divinità per molti diventa fonte di insoddisfazione e frustrazione, questo sentimento probabilmente fa parte di un meccanismo che viene usato per crearci bisogni indotti; pseudo-scorciatoie: per dimagrire, per una pelle più liscia, per un suono di chitarra migliore, per allenare l’intelligenza o per avere un fisico più prestante.

Bisogna imparare, educarsi e educare a capire che non tutti siamo chiamati a suonare per riempire gli stadi, fare comizi che riempiono le piazze o a fare record mondiali di nuoto a stile libero, per la stragrande maggioranza le dimensioni consone e raggiungibili sono i concerti al pub, il comizio al circolo e il record di corsa campestre della polisportiva.

Non c’è nulla di male a non essere eccezionali.

Bisogna superare l’invidia in un’accettazione di sé stessi, che non deve voler dire rassegnazione.
Bisogna ricordare che anche chi è molto dotato in qualcosa ed è riuscito ad avere successo ha avuto bisogno di impegno, costanza e qualche barile di sudore della fronte.

Penso sia importante (imparare a) porsi dei sogni a portata di mano, penso sia un passo importante per la felicità.
Perché come diceva SuperTramp quando nella vita vuoi una cosa “allunga la mano e prendila”… ma se la mano non ci può arrivare che fine fa?