Sito didattico Ticoprof

ticoprof

Ho creato su wordpress il blog ticoprof.wordpress.com un semplice blog didattico in cui inserire:

  • esercizi di programmazione per i miei studenti  (e soluzioni agli stessi)
  • link a programmi, siti e manuali online utili alla didattica e all’apprendimento della programmazione.

Perché ho usato un blog quando ormai c’è il registro elettronico a disposizione che permette la condivisione di materiale con gli studenti?

Perché in una logica open, di libero accesso alla cultura, creative commons e condivisione dei saperi, una volta fatta la “fatica” di pensare gli esercizi e scriverne le soluzioni o di cercare del materiale didattico valido, con poco sforzo in più lo si può condividere non solo con i propri studenti ma anche con il resto dei naviganti di internet e magari far trovare esercizi e risorse utili anche ad altri studenti o colleghi o semplici curiosi di programmazione.

Se vuoi dare un’occhiata al sito ecco il link.

 

Annunci

Studenti raccontano il Social Media Marketing dopo un progetto di alternanaza scuola Lavoro

Chi meglio di chi vive continuamente bombardato dal Social Media Marketing può capirlo, analizzarlo e saper usare a proprio favore i suoi meccanismi?

Domani, martedì 12 maggio alle ore 15.00 presso la sede del Liceo G. Bruno dell’ormai unito Liceo G. Bruno – R. Franchetti, quattro studenti che ho accompagnato in un progetto di alternanza scuola/lavoro col progetto regionale Tekne, condurranno un incontro in cui faranno scoprire ai partecipanti il funzionamento e alcuni segreti del Social Media Marketing… non attraverso la solita conferenza, bensì grazie a un seminario esperienziale, nato dal mio invito ai ragazzi ad innovare e a rompere gli schemi del classico seminario di restituzione che avviene alla fine di un progetto.

Ecco, questa è la scuola che mi piace, quella che si relaziona con il mondo circostante e non tiene i ragazzi all’interno di una bolla di sapone, ma li stimola e li mette al confronto con il mondo reale.

tekne

Io mi sono occupato di parte di formazione dei ragazzi sul Social Media Marketing e di stimolarli alla realizzazione del seminario finale, che i ragazzi hanno completamente organizzato in piena autonomia, dalla locandina alla promozione.

Il progetto è realizzato da Sive Formazione in collaborazione con l’I.I.S. Bruno Franchetti e l’azienda Omega Group e finanziato dal Fondo Sociale Europeo.

Mappe per la didattica

Durante il laboratorio di Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione del TFA abbiamo lavorato con varie risorse soprattutto on-line per realizzare mappe concettuali e mentali.

Le mappe sono strumenti molto utili per la didattica, permettono di schematizzare concetti tramite dei grafi, agevolandone la comprensione.

Fra i vari siti per realizzare mappe concettuali e mentali ho avuto modo di utilizzare e confrontarmi con Mindomo e Text2mindmap che vi segnalo.

Mindomo è decisamente più accattivante e ricco di possibilità anche se da un lato richiede una registrazione per l’utilizzo e molte feature, come ad esempio caricare un’immagine dal proprio pc, sono riservate agli account pro (a pagamento).
Text2mindmap, come preannunciato dal suo nome permette di convertire semplici file di testo in mappe mentali, il pro sono la facilità d’utilizzo e il fatto che sia totalmente gratuito, i contro sono il fatto che sia decisamente meno accattivante a livello grafico rispetto al precedente e che non permetta molte personalizzazioni delle mappe.

Qui il link a una mappa che ho realizzato per esercizio sulle funzionalità e sui componenti e dei computer.

mappe

Per chi volesse approfondire cosa sono le mappe concettuali, mentali e le loro differenze segnalo il sito le mappe del pensiero.

Se conoscete altri siti o software comodi per realizzare mappe, condivideteli nei commenti…

PS: Prima di chiudere il post un doveroso cenno anche a Cmap, un software abbastanza completo per realizzare mappe, è scaricabile gratuitamente o a fronte di una donazione. Funziona bene anche se non è super intuitivo da utilizzare…

I sedicenni di oggi non sono così diversi da quelli di 15 anni fa.

Ora vi spiego perché sono arrivato alla conclusione del titolo.

A ‎scuola‬ in terza ho fatto realizzare dei siti internet in classe in gruppi di due, con argomento libero, ma con rispetto di consegne su layout e formato del sito.

Gli argomenti sono stati:
– Birre (sono sedicenni…)
– Nolan
– Ed Sheeran (un cantante soft tipo James Blunt)
– Scacchi
– Sport di combattimento
– Lo Spazio
– Tolkien
– 5SOS (un gruppetto pop punk)
– Geologia
– I primi elaboratori.

I sedicenni di oggi non mi sembra poi abbiano interessi molto diversi dai sedicenni dei miei tempi (almeno all’interno del mio liceo, sì insegno nella scuola in cui ho studiato), mi viene in mente la parola consolante, ma non so se lo sia davvero.

Tutto cambia perché nulla cambi davvero.